Pagine

lunedì 15 agosto 2016

Buon ferragosto!

nel seme di settembre, bennibag autunnale
Mi piacerebbe, un giorno (e forse lo farò) aprire un blog che recensisca le Sante messe. Sì, sì, proprio le Sante messe, avete letto bene, e credo persino che qualcuno (me lo ha detto mio marito) lo abbia già fatto e lo faccia già, ma tant’è, si sa, che repetita iuvant. Mi piacerebbe, certo, perché oggi, il giorno dell’Assunzione, nel cielo terso, azzurro e vivo di questo metà agosto, alla Santa messa dove sono andata io il sacerdote (per il quale nutro, diciamo così, una certa simpatia) ha cominciato a parlar di musulmani e di accoglienza e di moschee. Ma, dico io, proprio in un giorno solenne come questo, il giorno in cui la nostra piccola-grande Maria splende e viene incoronata Regina bisogna parlar di maomettani? No, nossignore. Io ho cominciato a sentirmi scomoda nel banco, friggevo di fastidio e ho finito per non far la comunione, con gran desolazione d'anima…
Sicché, non scherzo, un giorno o l’altro comincerò a dar di conto delle Sante messe dove si parla – evviva – non dei musulmani, ma  casomai, di come Santa Chiara, per due volte, con la sola forza delle fede, protetta da Gesù, respinse i saraceni che volevano conquistare Assisi e il suo sacro convento.  E mi chiedo e chiedo al Papa Bergoglio, ma se ha ragione lui e bisogna aprir le porte e il cuore, San Giovanni Bosco sbagliava e, come lui, la Santa Chiara che fu compagna del Santo grandissimo di cui il Papa ha scelto di portare il nome (cosa mai vista in Duemila anni di Sacra storia vaticana…)? Non dobbiamo forse noi far, nel nostro piccolo e minimo, come gli apostoli e portare il seme della buona novella (il Vangelo) lì dove esso si ignora? Non è forse la Chiesa Romana, Cattolica e Apostolica?

In attesa del blog che verrà e delle risposte che non verranno e cambiando da pasta a pizza il menu del ferragosto, abbraccio i miei pochi lettori che hanno la pazienza e il cuore saldo di seguirmi, senza le storie tragicomiche della mia infanzia alle quali erano abituati… Che però, ve lo prometto, torneranno. A tempo debito. Buon ferragosto.

Nessun commento:

Posta un commento