Pagine

lunedì 6 ottobre 2014

Un valzer con nonna Stella

Bambina, di otto anni o poco più, imparavo a ballare il valzer abbracciata a nonna Stella - un,dù,tré, un,dù,tré – su e giù, lungo la corsia color granata che correva diritta tra l’affollamento di bei mobili antichi a San Giuliano. Fuori, nel buio di cartapesta, la campagna friulana sonnecchiava nella nebbia filata dalle streghe; nel buio sorridevano le sagome dei cachi carichi di arancio. E noi, su e giù e, in rotondo girare,  come in pirouette, un passo avanti (un), poi l’altro (dué) e il bacio finale dei due piedini (tré), che si incontravano per un attimo appena e di nuovo a ripartir col destro, ancora e ancora, io e lei, come sollevate dal vento della gioia e dall’allegria di naufragi che ci prendeva, in una risata accesa, mentre Pippo, col pancino d’oro e il cappottino nero, abbaiava, ricamando zompi intorno alle nostre gambe in festa. Crollavamo esauste sul sofà color prato e ridevamo, lei di nuovo bambina tale e quale a me, nel ricordo della sua verde primavera. Io, in paradiso.

Ragazza, ai diciotto anni di amici, amiche e compagne di classe,  raccoglievo, nel fruscio dei vestiti lunghi verdi, rosa e neri, che portavo con disinvoltura, i frutti delle lezioni di nonna Stella. Carnet non ne avevo, ma richieste sì, e molte. Molti valzer ho ballato a Roma e i ragazzi, in cravatta scura, allora, facevano il baciamano e quasi davano del lei... Ho ballato anche a Venezia, mentre placida la luna occhieggiava alle finestre specchiandosi nella laguna, dove si dondolavano le gondole dal lucido manto nero di frmamento. Una volta, a Parma mi pare, ballai con un tipo smilzo, alto, magro, di assoluta nobiltà. Uno che ora è famoso per i vini che produce e che allora mi donò l’estasi del ballo, in rincorsa di Dioniso. E ora che non ballo più ricordo quel mio ballare antico, ma nessuno, neppure quello col principe, è nella memoria bello e dolce come i valzer di San Giuliano, nell’abbraccio della mia Stella…  

Nessun commento:

Posta un commento