Pagine

venerdì 23 maggio 2014

Nel sorriso d'oro di Prassede


Che sole, ieri, a Roma! Pareva di stare, che ne so, magari a Cartagine, oppure dove volete voi nel caldo prematuro di un’estate ancora tutta da inventare, col sole a picchiare in testa, nel manto azzurro del cielo uscito fresco dal bucato angelico. Io ero, di mattina, con un’amica cara irlandese e insieme, lei e io, ad ammirare i tanti, magnifici mosaici paleocristiani che fan da ornamento, sopra all’altare, in certe magnifiche chiese romane come Santa Pudenziana e Santa Prassede. Le quali, Prassede e Pudenziana, per chi non lo sapesse, erano due sorelle e tutte e due martiri e figliole di un ricchissimo senatore di nome Pudente, grande amico di San Paolo e protettore dei cristiani del I secolo dopo Cristo (pochi) di allora. Che, fatalità, mi paiono pochi anche adesso, nel rotolar convulso dei Secoli…

A Santa Pudenziana (che è in Via Urbana), i colori sono come di pastello, tenui, d’amore, nel celeste e rosa di una placida serata estiva e i due Santi – Pietro e Paolo – vestiti in toghe romane come fossero, anche loro, senatori e patres conscripti. D’oro, con i fiori rossi e tanta luce, e una piccola araba fenice nascosta nel fogliame di una palma, è il mosaico  di Santa Prassede, dove l’occhio sale in paradiso anche nella piccola e raccolta cappella di San Zenone, che vi invito (se ancora non lo avete fatto) a visitare, casomai capitaste nella mia bella Città Eterna. Nutrita l’anima, eccoci, lei e io, a nutrire anche il corpo che, come si sa, vuole la sua parte. Due paste da Regoli, un caffè baciate da Santa Maria Maggiore e il gioco è fatto, nel fulgore acceso del sole che si fa alto nel fiorente Mezzogiorno. E’ ora di salutarci e mentre me ne torno sui miei passi, scendendo dall’Esquilino ai Monti, nella felicità rotonda, mi par davvero che anche il mondo, benedetto,  sia rotondo e che sorrida al mio sorriso d’oro, nella semplicità, tutta umana, della vita nuda. 

Nessun commento:

Posta un commento