Pagine

venerdì 17 gennaio 2014

Nella piccola bellezza



Avevo scritto, ma qualche tempo fa - quando cioè della Grande Bellezza proprio non si parlava – un piccolo post che si intitolava e si intitola, appunto La Grande Bellezza (vorrei metterlo come link a questo, ma non so mica farlo, per cui, casomai, bisogna cercarlo in soffitta…) – e vi raccontavo, e ne sono convinta anche adesso che il film di Paolo Sorrentino è in profumo di Oscar e che non se ne può più parlar così e così che ti mandano a quel Paese, che la storia del Gambardella si regge con le pinze, che il  finale fa persino sorridere, che pare, nella trama, un temino smangiato,  che la pellicola  pare solo un malinconico pretesto per raccontar la bisanzio in cui siamo sepolti, nell’umanità vuota che la abita. Insomma, a parte la bellezza di Roma, della mia Roma, quella sì eterna, c’è poco più e l’Italia, poi, non ci fa una gran figura e a me, via, dispiace…

 E ho pensato a questo e a come dobbiamo sembrar tristi e decadenti noi italiani in America, proprio mentre, qualche giorno fa, mi sono vista alla televisione “Felicità”, il trionfo tricolore in Russia di Albano e Romina Power. Mai avrei pensato, e vi prego non giudicatemi per questo, che avrei veduto, un giorno, anzi una sera, un concerto di Albano e fino a notte in pigiama.  Io? Io che sono cugina di Bellini e Donizetti. Io? Io che sono figliola di Buxtehude. Io? Io che vado a dormire ad gallinas albas. Io? Io, per Albano… E, invece, me lo sono visto tutto intero, cantando l’italiano vero di Toto Cutugno e mi sono piaciuti anche i Ricchi e Poveri e la brunetta ha sempre gli stessi occhi di stella di quando i suoi anni eran verdi come gli occhi. Per non dir di Umberto Tozzi che ho ballato nella gloria. E, insomma, mi è parsa quella Italia lì, perduta, nazional popolare, in pantofole, migliore, e di molto, di quella desolante sarabanda di anime vuote del film di Sorrentino. E sono andata a dormire col cuore in alto, pensando a Rio Bo di Ada Negri, nella piccola, grande bellezza…   
Ecobennibag ad flores albos

Nessun commento:

Posta un commento