Pagine

mercoledì 9 ottobre 2013

Nel fiume e nel mondo

Al numero tal dei tali di via Leonina c’è un piccolo negozio prezioso, difeso da un gran portone di ferro, che pare quello di un caveau di banca. Il negozio, piccolo, tutto quanto d’oro come un velo d’odalisca, è custodito da una sacerdotessa dai capelli di rame, lentiggini spruzzate sul naso, un sorriso di sfinge, sempre vestita dei colori della terra. In questo negozio, dove sono stata oggi e ieri, si celebra, a volerlo, la festa dell’odorato, che è, secondo me, un senso perduto, come dimenticato, negletto, per noi che siam figli della modernità e di cibo soltanto par che parliamo. Che l’odore non arriva via cavo, e neanche su Skype… Ricordo, ricordo bambina, l’odor di bucato e di bianco e pulito che non era quello del Dixan o del Dash, come è oggi sulla pubblicità. Ricordo la Mimma, abbracciata ai panni, che stendeva nel vento quel profumo croccante, di nuvole e fresco... Ricordo, bambina, il profumo del Calycanthus, d’inverno, quando tutti i fiori eran stenti e lui, solitario, con i rami d’osso muto, carichi di fiorettini d’oro; ricordo la scia soave, inebriante, che entrava dalla finestra aperta della camera di mia madre, in recupero d’aria. Ricordo l’odore delle mele, a Sangiuliano che erano profumo loro pure, e rosse e fragranti, quasi odor di vaniglia.

Ma torniamo in Via Leonina, nel negozio che dico dove si vendono profumi di Keiko Micheri e di Annick Gutal e di altri e tanti, vestali del naso, alchimisti moderni nella ricerca della pura bellezza, dello spirito profumato del cosmo. A me piacciono i profumi alla rosa, ma ce ne sono di tanti e di troppi ed è una festa davvero. Il naso è al lavoro e così la nostra Beatrice, che, lei sì, dà un nome a ogni essenza ed il nome è un apriti sesamo per il paradiso. E mentre s’odora ora questo ora quello, eccoci in grembo al tempio, dove il profumo è vestito e spirito insieme. Si diventa tutt’uno, nel profumo che è nostro. Nel fiume e nel mondo…
Avrei voluto mettere un Calycanthus.... E' un albero di arancio che mi è molto caro...

Nessun commento:

Posta un commento