Pagine

sabato 14 settembre 2013

Nel cuore della mia Sardegna

Ecco qui: c'è Marzia, la sua sorellina e la nonna vestita di nero, nell'eterno lutto sardo...

Ci sono dei luoghi che, per motivi che non sappiamo e chiusi a chiave nel buio di laggiù, ci restano in digitale nell’anima. Per me, uno di questi è di sicuro San Giovanni di Sinis sulla costa occidentale della mia amata Sardegna. Sarà per quei due mari (morto e vivo), di tutte le sfumature dell’azzurro, due mari che si guardano negli occhi, o per le rovine di Tharros, d’oro contro il turchino, sarà perché proprio lì ho mangiato la bottarga più gustosa di tutta la mia vita e perché ricordo, come in una fotografia nel cuore, Leonardo nel suo pigiamino a righe bianche e blu camminar, ardito di due anni, lungo il cardo della città fenicia e poi romana: insomma sarà per tutto questo e per altri motivi che sono nascosti tra le pieghe del mio mistero, fatto è che l’altro giorno, dal dentista, mi è capitato così, per simpatia, di chiacchierar con Marzia che, bruna di capelli e dolce e ruvida come sanno esserlo le madri di molti figlioli, la quale – e quasi non ci credevo – ha le radici sue proprio a San Giovanni e, bambina, giocava con una montagna d’altri cugini e amichetti tra i falaschi di famiglia. Una foto di lei ancora non l’ho vista, ché l’album – mi assicura – lo porterà alla mia prossima otturazione, ma il mio terzo occhio tempera l’ingegno e vedo, così come mi fosse qui davanti, quel mondo antico fatto di casette di canne e di mamme e bambini nella quiete del dopopranzo. Lo vedo con l’anima nuda perché il presepio di allora non c’è più. Negli anni ottanta i falaschi e la loro poesia li han buttati giù per fare pulizia alle rive, per togliere quella vergogna primitiva che era, al contrario, primavera d’anima. E ora è poco è morto – mi diceva Marzia – Luigi Garau, uno, anzi l’ultimo, costruttore di falaschi. Io la finisco qui, ma se la curiosità vi punge, ecco dove andare a fare una visitina:  http://www.sardolog.com/perso/falaschi/index.htm. Nel cuore della mia Sardegna…  


Nessun commento:

Posta un commento