Pagine

domenica 28 luglio 2013

La poesia in tasca

Questa mattina, Tavolara ha messo un cappello di nubi sfilacciate in testa e una sciarpa intorno al collo e se ne sta lì, immusonita, nei colori spenti del levante, quando il vento porta a largo, nel rincorrersi di certe ondine stente, e il cielo non par neppure azzurro e scolorito com’è, in semolino cotto, è una malinconia di naufragi e di mal di gola. Io me ne sto in casa, tutta in me, ad aspettar che chi so io si svegli dall’abbraccio di Morfeo e ritrovi, rotonda e dipinta di giallo, la voglia accesa di ritornar su questo mondo che è, ohimè, a capo in giù e a zampe all’aria. Lo so, lo vedo, con il terzo occhio aperto, lo so, lo vedo, ma non dico nulla perché sono cose, queste, che occorre tenersi nel misurino della propria consapevolezza, un sorriso e buttati nello zaino e poi, casomai, giù dietro le spalle in un cestino della spazzatura. E si cammina e avanti e ancora avanti. E ogni tanto, ma di rado, tiro fuori due parole due che tolgono la fodera ai cuscini a chi le vuol sentire, a chi ha voglia perché lo si vuol lassù di scendere dal palcoscenico.

Pensavo questo, seduta al mio computer che magicamente funziona anche qui nelle mie sperdute aldie, dialogando con Tavolara, e ho pensato che avevo ed ho, ora e poi mai più, un appuntamento sacro cui non voglio mancare e chiudo gli occhi e non sono più qui, ma a Tavolara e non lungo lo spalmatore d’oro dove ancora adesso si trovan, a saperli trovare, rametti di corallo, ma dietro al cimitero dei Re di Tavolara, sulla spiaggia di ciottoli di fiume dove si attracca a stento e par che ci sia sempre un tempo da lupi e il cielo coperto. E’ lì, nel volo pazzo dei gabbiani, che ritroverei il mio passato d’oro, in una dolce sera di settembre… Ma via, è ancora mattina e molto, molto presto. Il sole è una moneta fiammeggiante e sorge, a oriente, dietro la cresta delle colline vergini, nel chiacchierio della mia ghiandaia dal petto azzurro, nel volo aereo di una squadretta di aironi cinerini, e giù, sul pelo dell’acqua, nella caccia al pesce del cormorano nero che vedo, da quassù, nel collo lungo e nel becco giallo. E mentre mi perdo nei voli delle creature alate, ecco scender chi so io, in pigiama e occhi pesti: “Che c’è per colazione?” La poesia in tasca, via in cucina.  

Nessun commento:

Posta un commento