Pagine

martedì 11 giugno 2013

La Grande Bellezza

Non ho visto, almeno non ancora, il film “La Grande Bellezza” di Paolo Sorrentino. Ma andrò perché mi han detto, persone che mi sono care, che la pellicola avanza, di tra il marcio dell’umana miseria, per squarci di immenso in fotografie di questa mia Roma dell’anima che dà pace al cuore afflitto. Lo so anch’io com’è, lo so, lo so perché in quegli istanti di infinito, nei miei vagabondaggi romani, si specchia l’anima mia assetata e trova nella bellezza sua l’antica perduta bellezza dell’anima innocente. I chiari nel bosco di Maria Zambrano...

A me, poi, basterebbe anche il titolo che, di questi tempi grami in cui par sempre – a sentir politici e banchieri – che siamo a un passo dalla fine, scalda il cuore. La bellezza, sì, la bellezza nell’armonia di un paradiso ritrovato può somigliare all’incantesimo che cura. E nel pensare a Sorrentino (che mi è capitato, almeno credo, di vedere all'Esquilino, in carne e capelli e, credo, con un figlioletto per mano o a cavaceci...) mi viene in mente un altro suo film che ho molto amato. S’intitola “L’uomo in più” e, se non lo avete visto, bè, io, fossi in voi, lo vedrei. Antonio Pisapia, uno dei due protagonisti (ché l'altro no, non ce la fa...) di tra la rovina e le macerie della vita sua, sa trovare il sassetto di Pollicino che lo rimette in piedi e lo riporta, in sorriso di pesce fresco, nel cuore del bosco suo sacro...

Nessun commento:

Posta un commento