Pagine

giovedì 8 novembre 2012

Un pappagallo a Palazzo Koch

Il mio primo scambio riuscito (quel che ho dato io in cambio di stoffe per le mie bennibags) su zerorelativo!


Non so come la pensate voi, ma a me questo solicello di novembre, bello come oro fuso nell'aria che profuma di loti di vaniglia, scalda l'anima e mi invita a stare all'aria aperta. E così passeggiando, passeggiando  mi ritrovo in giro per la mia bella Roma capoccia, a volte, senza meta, solo così per camminar con gli angeli. Ieri, me ne sono andata dalle parti dei giardini di San'Andrea, a salutar la statua equestre di Carlo Alberto, nel verde che era di Leonardo bambino, a un tiro di sasso dal Quirinale, e poi dabbasso, tra i negozi di Via Nazionale. Davanti a Palazzo Koch, spaventoso, disumano quasi nella sua armatura bianca di drago antico, c'era un gran viavai di banchieri e bancari, stirati nelle alte uniformi grige  degli affari loro, in uno scambiarsi di mani e sorrisi. Passo la cancellata nera, difesa dai carabinieri, e, invece di guardar quegli alti papaveri nella mattina d'oro, vengo attirata da rauche strida, provenienti da mano dritta. Oh bella e che cos'è? Mi giro, torno sui miei passi, infilo gli occhi, tutti e due, dentro al mistero di una palma che, alta, melanconica, sembra far la guardia a Via Mazzarino e, zigzagando con lo sguardo tra le ombre, in uno scodinzolar di occhiate, vedo un buffo pappagallo verde, in piume e becco giallo, elegante nella sua livrea come un marchese di Borgogna alla Corte di Versailles. E' tutto preso a becchettar la pianta, eccitato dal pasto regale, in quel suo privato paradiso brasiliano perduto nel bel mezzo del traffico convulso di Via Nazionale. E, guardate un poco, il suo nido, di semplici foglie e di paglia, dove lui solo regnava in seno alla grande madre terra, mi è sembrato molto, ma molto più bello del gran palazzo austero, sterile, freddo della Banca d'Italia e lui, il pappagallo verde e non i presidenti, il protagonista assoluto e solitario nel cinematografo della mia mattina...

Nessun commento:

Posta un commento