Pagine

mercoledì 17 ottobre 2012

Il figliolo di Quark


Mi capitava, e ora non più, di trovarmi, per motivi di famiglia, dalle parti di Via Veneto, lì dove la via Boncompagni si tuffa in piazza Fiume, in quell’angolo di Roma Nord, di banche e uffici, che mi sta un poco stretto al cuore. Parcheggiavo, di solito, la mia Cinquecento color neve usata, e me ne andavo bighelloni, nel vorticar dei minuti in attesa, a caccia di tesori. E li trovavo, lì pure. La piccola Fonte Ludovisia che pare sgorgare dai laterizi di cotto delle Mura Aureliane, un certo palazzo scrostato, romito, color giallo uovo che guarda, perplesso, il dirimpettaio, alto, d’acciaio, con gli occhiali da sole. Da questo certo palazzo che  si misura con gli altri da sotto in su, ho visto più di una volta uscire, correndo come il coniglio di Alice, un certo politico della Prima Repubblica, un tale Paolo con doppio cognome, che fu ministro del Bilancio e sempre parlamentare e acuto osservatore, di sguincio, delle cose nostre italiane .  Ma via, non è di questo signore qui   (che , pure, oggi, con i tempacci che corrono, quasi mi manca…) che voglio parlare, ma di un conduttore televisivo. Sì, sì, aspettate e vedrete, nel prossimo capoverso…
Dunque, una mattina, ero lì, in Via Sicilia nella mia consueta attesa di noia, quando d’un tratto vedo da lontano un tipo sportivo, in blue jeans, e berretto americano, a becco di papera. Ha un certo modo disinvolto di metter una gamba di fronte all’altra e di ratto, mi è davanti: oh, carino, pensai, è Alberto Angela. Ammirai quel suo esser uno di noi, casual, un mortale. Sparì, inghiottito dalla lontananza di fronte al liceo Righi. E io, croce, morto lì, quando, all’improvviso, appare sulla via una macchina d’argento , un  siluro, lungo da qui a lì, che non finisce mai.. L’astronave di Balle spaziali. Alla guida, senza cappellino americano, aveva tutt’un’altra aria, che pareva il palazzo di vetro e d’acciaio del Paolo di prima… Dietro di me, una voce toscana fece giustizia: “Ovvia, oh quello ‘un è mica il figliolo di Quark?”.

Nessun commento:

Posta un commento