Pagine

mercoledì 8 febbraio 2012

Pinocchio e Padre Fausto

http://www.pinocchio.it/
Questo link porta dritto dritto alla Fondazione Collodi che è un gran bel leggere e guardare...


Proprio davanti al Foro d'Augusto, in un angoletto di Roma sparita, ma che strizza l'occhio alla modernità, c'è una Chiesa intitolata ai Santi Quirico e Giulitta i quali, per chi non lo sapesse, sono due martiri cristiani, due testimoni si potrebbe dire, mamma e figlioletto. Ma non è di martirologia e di santi che vorrei parlare, Dio ne scampi! Vorrei piuttosto raccontar dei frati francescani che abitano Chiesa e convento e che sono miei buoni amici. Il motivo del legame nostro lo tengo per me, per amor di riserbo, ma testimoniar di loro mi preme assai perché, in quell'ovetto di francescana semplicità, ritrovo il respiro della verità in questo mondo a zampe in su, che pare aver messo le radici a seccare al sole come fossero bulbi di ginseng...
Si affannano a far del bene ai poveretti, i miei fraticelli, e ognuno ha l'anima sua e un cuore colorato, chi di blu, chi di verde, chi di carminio. Frate Fausto, se fosse un colore, sarebbe un bell'indaco. Alto, sempre con la sciarpa al collo, è maestro di organo e gran buongustaio in fatto di libri. A volte, tra una faccenda e l'altra, troviamo il tempo di incrociare gusti e pareri. A lui, e anche a me, piace Collodi e non solo nell'opera maggiore che, come si sa, è Pinocchio. Ci piacciono ad esempio anche i ricordi d'infanzia dello scrittore. In pochi sanno (cosa ben nota a Padre Fausto...), ad esempio, che in classe di Collodi il maestro li facva diventar Romani o Crtaginesi...

E poiché lui, Padre Fausto, insegnava a suonar l'organo proprio al Conservatorio di Firenze, mi ha raccontato che un giorno – anni orsono, a scialare, in passato remoto – se ne andò in pellegrinaggio  a cercar le case e le vie dove aveva bazzicato e vissuto, più di un secolo prima, il Carlo Lorenzini. E le trovò, e case e lapidi. Così un bel giorno, senza gatto né volpe, era lì, in via dei Rondinelli, a pensare allo scrittore davanti al portone chiuso, immaginandolo andare e venire da buon cronista fiorentino,  e, forse, a recitargli sottovoce un Deo gratias, quando dalla gran bocca del palazzo, eccoti uscir un fregolo di ometto, vecchio quanto si può e con un'aria tremendamente affaccendata, che si potrebbe dir persino bisbetica. Il nostro frate, sorridendo giocondo, gli disse: “In questa vostra casa, signore mio, visse il Collodi...” E quello, con un occhio all'orologio da taschino neanche fosse il coniglio bianco di Alice, fece: “E ora c'abito io, che fa?”  Quel Pinocchio, quel Mangiafoco...

1 commento:

  1. viene da pensare che il bianconiglio non sapesse neppure di chi stesse parlando il tuo amico fraticello....:)

    RispondiElimina