Pagine

venerdì 30 dicembre 2011

Gianni Schicchi


Fuori tema Capodanno, s’intende dopo gli auguri di prammatica, che sono come lo sciroppo quando si ha la tosse, vi racconterò, ma solo se avrete l’uzzolo di leggerla in questa notte di magia e di fuochi nel cielo, la storia  tragicomica, di un certo Gianni Schicchi, un tipo di mia conoscenza, chiamato così da suo padre, baritono fallito, in onore di un’opera di Giacomo Puccini. E, per chi ne ha tempo e voglia, vado a cominciare. Questo Gianni qui era nato in un ovetto e cresciuto nella bambagia. Il caso aveva infatti voluto che, morta sua madre, fosse tirato su dalle tre sorelle zitelle di suo padre, le tre sorelle ABC, come venivan dette per amori di brevità. Si chiamavano, infatti, Ada la prima, Bice la seconda e Carlotta la terza. Il padre, chiamandosi Dino, contava per la D, ma poiché passava le sue giornate a far di conto in banca e le serate a vocalizzar dell’arie inutili, di quella D nessuno sapeva cosa farsene.  Le ABC si dedicarono anima e cuore a quell’unico nipote, tanto sensibile, Dio l’abbia in gloria, che avrebbero voluto vestito nella gabbana nera del prete. Sì, una parola. Nero lo era quel griso di Gianni, ma aveva in testa solo le gonnelle. Arrivò in casa la prima Lilit, che si portò via persino il servizio buono di Ginori, quello con i fruttini e i bordi di cuccume e piatti in salsa d’oro. Ai tempi della seconda Lilit, morì il povero Dino, cantando e contando denaro…
Quando le ABC diedero la notizia al Griso Gianni, questi, sensibile com’era, sbottò in un: “Mortacci” e se ne andò per i casi suoi. La terza Lilit lasciò in eredità una bambina, frutto di un suo precedente matrimonio. Restò, la piccina, con le buone vecchiette, tutte intorno come tante chiocce a far il girotondo all’unico pulcino. La bimba, che si chiamava Diana, crebbe rossa, bianca e anche bella che non guasta. Crebbe e si mise a far la vita. Le ziette, premurose, tenevano l’agenda degli appuntamenti. E se incontrandole al mercato, si chiedeva  loro notizie di Diana, una delle ABC rispondeva: “La Diana? E’ la D dell’ABC!”. E tutte insieme ridevano divertite. E il Griso? Quando arrivò la buoncostume, disse una parola sola: “Mortacci!”  

1 commento:

  1. Bellissima! :)) Anch'io ho conosciuto un Gianni Schicchi...giocò per un pò nella Lazio ma non aveva la stoffa del campione, non so che fine ha fatto :)
    Ci sentiamo nel 2012

    RispondiElimina