Pagine

venerdì 14 gennaio 2011

Un bambino e basta

Una sera di un altro secolo, trascinata da un'amica che di notte non stava a casa mai, mi ritrovai alla festa di un ministro della Repubblica. Era questi il tipo del rubacuori: smilzo, fulvo, piacente, con due occhi da Saladino. Prima della caduta, durante il furore di Tangentopoli, aveva flirtato con le belle, le più belle della Capitale, occupandosi più di scoccar dardi che di codicilli e di riforme.
La villa in luminaria, che seppi poi presa in affitto, era distesa lungo la Via Appia, e se ne stava lì a sonnecchiare tra il nero del cielo e il verde del prato. Dominava il giardino, grande e bello infiocchettato, un palchetto dove alcuni invitati ballavano, altri amoreggiavano e dove una cantante dal nome e dal ciuffo alla maschietta (destinata a scalar le classifiche) ululava alla luna. Tutt'intorno, sirene d'argento e giacche e cravatte.
Io mi aggiravo smarrita, come un beduino in alta quota. Cammina cammina, con le mani che non trovavano un parcheggio, eccomi giungere in una saletta romita, dove gli unici ospiti erano il figliolo del ministro (casco d'oro) e un suo piccolo amico che, serio serio, mi si presentò con il nome bizzarro di "Arjuna". Non feci una piega quando mi spiegò che suo padre, un uomo d'affari sempre in giro per il mondo, aveva pescato il suo nome nel Mahabarata (opera di cui allora non sapevo né nome né cognome...). E non fiatai quando tirò fuori da uno zainetto un album di fotografie: Arjuna all'ombra della Torre Eiffel, Arjuna al Corcovado, Arjuna di qui, di lì, di sopra e di sotto. Arjuna cittadino del mondo. D'un tratto si fermò: la foto era bianca, tutta bianca, una distesa di neve. A malapena distinguevo un gomitolo di umanità. Arjuna eschimese e altri scarabocchi indistinti. Lui, con un do di petto, tutto fiero, una medaglia negli occhi, indicandomi quel biancore, disse: "Il pupazzo di neve, vedi, l'ho fatto io!" Un bambino e basta.

1 commento:

  1. ...Arjuna...vittima del padre, l'avrà fatto proprio lui quel pupazzo di neve? Speriamo di si :) un abbraccio

    RispondiElimina